Che volete, io continuo a preferire la pornografia tradizionale.

Advertisements

Mi scuserete, se quest’oggi mi toccherà essere un po’ esplicito: sta di fatto, però, che non saprei come dire quello che devo dire in modo meno diretto; oppure saprei farlo, ma semplicemente, come talora accade, non mi va(1).
Orbene, leggo con un certo raccapriccio che i nostri amici si accingono a compiere la seguente operazione: tirare fuori dalla bara un cadavere in avanzato stato di decomposizione, segargli lo sterno a metà con un frullino, tenergli aperta la gabbia toracica con un divaricatore, recidere con il bisturi un mazzetto di vasi sanguigni, strappargli il cuore, spedirlo all’estero e mostrarlo a migliaia di persone che non stanno più nella pelle dalla smania di godersi lo spettacolo.
Come dite? Chi sono i nostri amici?
A occhio e croce, gli stessi che danno dell’indecente a chi ha l’abitudine di introdurre l’uccello(2) tra le chiappe(3) di un individuo vivo, consenziente e tutt’altro che putrefatto, salvo tirarlo fuori dopo un po’; senza necessità, si badi, di frullino, divaricatore e bisturi.
Fate un po’ voi…


(1) Le note a pie’ di pagina, in effetti, mi inchiodano alle mie responsabilità.
(2) Il membro.
(3) Nell’ano.