Sì, così, ancora

March 20, 2008

La donna nella foto si chiamava Chantal Sébire.
Era affetta da un neuroblastoma che l’aveva completamente sfigurata e le procurava dolori atroci.
Chantal non aveva alcun mezzo farmacologico per alleviare quelle sofferenze: era allergica alla morfina.
Aveva chiesto di morire dolcemente e di porre fine alla sua agonia.
Aveva perfino trovato un medico disposto a farlo.
I giudici, naturalmente, glielo avevano negato.
Chantal è morta ieri mattina, a casa, circondata dai suoi tre figli.
Le autorità parlano di “cause non ancora accertate”, ma è chiaro come il sole che si è trattato di un suicidio.
I soliti zeloti, da domani, avranno un’infelice in meno a cui poter imporre la loro carità pelosa.
Si consoleranno, questi crociati, potendo blaterare ancora una volta che loro non c’entrano.
Fosse stato per loro, avrebbero continuato a torturarla fino all’ultimo respiro.
D’altra parte, il vero segreto del piacere sta tutto nel saper prolungare i preliminari.

Advertisements