Mamma, non piangere

April 28, 2008

Get the YouTube Playlist widget and many other great free widgets at Widgetbox!

Advertisements

Un americano a Roma

February 24, 2008

Buona domenica, gente. E buona campagna elettorale…

Non è rimasto insensibile al grido di dolore. Come Vittorio Emanuele di Savoia di fronte all’appello degli Italiani, come Ratzinger di fronte ai sommessi sobsob dei bimbi del Limbo, come Brad Pitt quando Angelina Jolie frigna per avere un nuovo marmocchio in adozione, anche Francesco Rutelli non ha potuto esimersi dal rispondere all’accorato appello che la moglie, Barbara Palombelli, ha inviato ieri ai nostri blog.
Galatea e Metilparaben sono dunque orgogliosi di pubblicare, in esclusiva, la lettera di scuse di Cicciobello alla sua gentile consorte.

Cara Barbara, eccoti le mie scuse. Ero recalcitrante in privato, perché sono un cicciobello ma ho anche un mascellone mica da ridere. Sfidato in pubblico, la tentazione di mandarti a cagare è forte. Ma le resisto. Siamo insieme da una vita. Se avessi ammazzato qualcuno, a dire il vero, sarei già uscito di galera; ma tant’è. Le mie giornate sono pazzesche, lo sai. Inventarmi ogni giorno una scusa per giustificare il cilicio della Binetti, passarmi con pazienza il cerone sulla faccia, tenere in ordine i boccoli che mi crescono selvaggi sul capoccione: una vita sotto costante pressione. La responsabilità continua verso gli altri e verso di sè, anche verso una moglie che si è costretti a sopportare per non irritare l’ala clericale del partito, tutto questo apre lo spazio alla piccola irresponsabilità di un carattere giocoso e autoironico e spesso irriverente.

Ma la tua dignità non c’entra, la custodisco come un bene prezioso nel mio cuore anche quando la mia bocca si avvicina fremente a quella di un bell’omone come Romano, nella bagattella di un momento. Ma la lingua, no, credimi, non l’ho tirata fuori.

Scusami dunque, te ne prego, e prendi questa testimonianza pubblica di un orgoglio privato che cede alla tua collera come un atto d’amore. Uno tra tanti. Un grosso bacio.

Cicciobello tuo.

Dopo aver visto questa foto, non ci ha visto più. Perché ci sono tante cose che una donna può perdonare al marito, ma non la pubblica umiliazione. Così, dopo l’uscita di questa foto, Barbara Palombelli, per gli amici Lady Roma, ha deciso di scrivere una pubblica lettera al marito, Francesco Rutelli. E i blog Ilmondodigalatea e Metilparaben, in anteprima mondiale, sono in grado di farvela leggere:

Gentili Blogger Galatea e Metilparaben, con difficoltà vinco la riservatezza che ha contraddistinto il mio modo di essere nel corso dei tanti anni trascorsi accanto ad un uomo pubblico, politico prima e politico poi, qual è mio marito. Ho ritenuto che il mio ruolo dovesse essere circoscritto prevalentemente alla dimensione privata, pertanto ho sempre evitato di apparire in prima persona: non fosse per quelle quattordici, quindici rubriche che tengo su vari settimanali, le trasmissioni tv, le ospitate, le interviste sui quotidiani, i settimanali, le foto della mia casa e della mia famiglia, i servizi a Natale, Pasqua e feste comandate sui principali magazine, nessuno saprebbe nulla della mia vita privata, e tant’è. Ora però scrivo per esprimere la mia reazione al comportamento di mio marito nel corso della convention per la nascita del Partito Democratico, dove, rivolgendosi a Romano Prodi si è lasciato andare ad atteggiamenti per me inaccettabili, come fargli in pubblico naso-naso, sussurrandogli paroline dolci che da troppo tempo non riserva più a me, dato che nell’intimità, oramai, cita solo le encicliche di Ratzinger. Sono comportamenti che interpreto come lesivi della mia dignità, atteggiamenti che per l´età, il ruolo politico e sociale, il contesto familiare della persona da cui provengono, non possono essere ridotte a gesti scherzosi. A mio marito ed all’uomo pubblico chiedo quindi pubbliche scuse, non avendone ricevute privatamente. Sono abituata da tempo, come il personaggio di Catherine Dunne, a considerarmi la metà di niente, se non altro perché, trovare qualcosa nel costituendo Partito Democratico è un’impresa, ma questo è troppo anche per me. RingraziandoVi per avermi consentito attraverso questo spazio di esprimere il mio pensiero, Vi saluto cordialmente. Barbara Palombelli in Rutelli

Straziami…

April 20, 2007

Un bacio legittimo non varrà mai come un bacio rubato. (Gustave Flaubert)

Preti

March 11, 2007

Risultanze

March 4, 2007

Camillo Ruini sulle unioni di fatto, oggi: «Da quanto risulta ai sacerdoti che hanno ogni giorno a che fare con loro, queste coppie non chiedono forme diverse dal matrimonio».

Carlo Giovanardi sull’eutanasia clandestina, quattro mesi fa: «Ho piacere che il Vicepresidente del Consiglio (Francesco Rutelli, n.d.r.) abbia detto che, comunque, al Ministero della salute non risulta in Italia alcun caso concreto di applicazione dell’eutanasia».

A me, personalmente, risulta che le cose esistono a prescindere da ciò che risulti a chi finge di ignorarle: mi punge vaghezza, peraltro, che sia una risultanza assai più esatta delle loro.

Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

…perché io ne morrei

February 23, 2007

Negami il pane, l’aria,
la luce, la primavera,
ma il tuo sorriso mai,
perché io ne morrei.

(Pablo Neruda, Il tuo sorriso)

Idiozie surgelate

February 14, 2007

Rutelli, 10 novembre 2006: «Non sono mai emerse, né stanno emergendo, notizie o elementi riconducibili all’esistenza della pratica dell’eutanasia da parte di medici o infermieri in ospedali e cliniche del Servizio Sanitario Nazionale».

Rutelli, 14 febbraio 2007: «Gli interventi della Cei sulle coppie di fatto, compresa la nota preannunciata dal cardinal Ruini, non minano la libertà dei parlamentari cattolici, né costituiscono un’interferenza».

Ma Rutelli è informato di ciò che accade in questo paese, oppure vive ibernato e lo scongelano soltanto quando debbono mandarlo in televisione?