Vatican Memory

March 4, 2008

Allora, gente, il fatto è questo: via Maestro Alberto ho scoperto un software che consente di creare degli screensaver personalizzati. Così, dopo essermi gingillato con un po’ di morphing e conversioni varie, vi ho preparato uno screensaver clericale perfettamente installabile sul vostro pc, che potete prelevare cliccando qua.
Scaricate e installate: così, ogni volta che lasciate il pc inattivo per un po’, dovrebbero apparire a tutto schermo alcune interessanti trasformazioni.
L’occasione mi è gradita per augurare un devoto screensaving a tutti.

Carte clericali

December 22, 2007

Dite la verità: già pensavate che vi avrei lasciato senza gadget natalizio, nevvero?
Io, allora, vi do uno schiaffo morale, e vi regalo questo mazzo di carte clericale da utilizzare per le vostre feste in famiglia (naturale, s’intende); sì, lo so che avete già le vostre, ci mancherebbe: ma volete mettere la soddisfazione di fare scopa prendendo la Carfagna e la Bertolini con Buttiglione? Di fare sette e mezzo con Bruno Vespa e Marina Corradi? Di prendere la Roccella con Volontè?
Insomma, gente: scaricate, stampate, tagliate, incollate su cartoncino e divertitevi.
E poi dite che non ho un cuore d’oro…

Processo alle intenzioni

September 8, 2007

Galatea mi ha tirato dentro all’ennesimo giochino blogghesco, consistente stavolta nello scervellarmi per specificare i cinque motivi che mi inducono a mandare avanti il blog.
Debbo ammettere che la richiesta, di primo acchito, mi ha messo in lieve difficoltà: tuttavia, dopo un’attenta riflessione, sono riuscito a sfrondare le mille ragioni che mi spingono a tenere aperto questo posto fino ad isolare le cinque che ritengo più significative.
Certo del fatto che siano autoesplicative, le elenco sinteticamente qui di seguito:

Saluti.

Vaticanopoly 2.0

June 10, 2007

Anche se la vicenda mi è costata almeno un paio di diottrie, sono felice di presentarvi la versione 2.0 del Vaticanopoly, con un tabellone perfezionato e i contratti dettagliati, in modo che il tutto sia interamente giocabile.
Buon divertimento.









Tarocchi clericali

June 10, 2007

Mi spiace davvero costringervi di nuovo a tagliare e incollare, ma la tentazione di dare una faccia agli arcani dei tarocchi è stata irresistibile.
Buon divertimento, e buona divinazione.

b





Vaticanopoly

June 4, 2007

In esclusiva per voi, ecco una versione clericale del Monopoli realizzata da me: non dovete fare altro che cliccare sulle immagini per ingrandirle, quindi stamparle, incollarle su un cartoncino e giocare, utilizzando la stessa attrezzatura del vostro Monopoli (segnalini, dadi, case e alberghi, che nel caso specifico andrebbero chiamati chiese e basiliche).
Premetto che, per problemi di tempo, mi sono limitato a fissare il valore di acquisto di ogni contratto: sta a voi, adesso, determinare quanto costi costruirci chiese o basiliche, e quanto debba pagare il malcapitato che ci capiti sopra.
Nella versione clericale la Centrale Elettrica e la Società Idrica sono state sostituite con lo I.O.R. e la Pontificia Accademia Pro Vita, mentre al posto delle Stazioni Ferroviarie troverete le Basiliche: le carte gialle, infine, sono le Possibilità, e quelle arancioni gli Imprevisti.
Che altro debbo dirvi? Divertitevi!
Alessandro.












Non c’è che dire: Aioros è uno che riserva sempre qualche sorpresa.
Non faccio neanche in tempo a coinvolgerlo nel giochino dei 5 libri più importanti della sua vita, che lui li scrive e poi inizia un gioco nuovo: i 5 libri più importanti della vostra vita che NON avete letto.
Con preghiera, ovviamente, di far risalire la catena finché si può.
Mi presto volentieri e vi sibilo i miei:

  1. Lev Nikolaevic Tolstoj, Anna Karenina;
  2. Robert Musil, L’uomo senza qualità;
  3. Carlo Cassola, La ragazza di Bube;
  4. Umberto Eco, Il pendolo di Foucault;
  5. Borís Leonídovič Pasternàk, Il dottor Zivago.

Adesso, coerentemente con le istruzioni ricevute, vado all’indietro, e rigiro il gioco a Giulia, Petit Julie, Bleek, Galatea, e in più ci metto Rumoridigente.

Divertitevi.

Cinque libri

April 25, 2007

Giulia mi coinvolge in un gioco: scrivi i cinque libri più importanti della tua vita e invita cinque amici a fare altrettanto. Si tratta di un gioco, evidentemente, o almeno così voglio interpretarlo, posto che se fosse una cosa appena più seria sarebbe il caso di restare un anno chiusi in casa a pensare, prima di poter scrivere una sola riga.
Quindi giochiamo pure, premettendo che limiterò la mia scelta alla narrativa (se nella vicenda fossero compresi i saggi sarebbe impossibile completare l’opera anche giocando), che non ho la materiale possibilità di scrivere l’incipit di ogni libro, come in effetti il gioco richiederebbe, e che mi limiterò all’elenco senza ulteriori commenti.
Faccio presente, infine, che sto scrivendo questo post all’una in punto del 25 aprile 2007, e che se lo riscrivessi tra dieci minuti la lista, con ogni probabilità, sarebbe una lista diversa:

  1. Raymond Carver, Cattedrale;
  2. Stanislav Lem, Solaris;
  3. Dino Buzzati, Sessanta racconti;
  4. Raymond Queneau, Exercises de Style;
  5. Georges Simenon, L’uomo che guardava passare i treni.

Detto questo, invito al gioco Ubik, Leilani, Aioros, Galatea e Calliphora.
Buon divertimento.

Gioco dell’oca clericale

February 26, 2007

Regole del gioco
Lanciare due dadi e avanzare di tante caselle quanto indicato dalla somma ottenuta: nelle caselle speciali seguire le istruzioni riportate qui di seguito.

5. Prodi toglie i Di.Co. dal programma del Governo ma dice che non è vero: andate indietro di 2 caselle.
6. Calderoli vi dà del cavallo di troia, e se siete femmina vi dà della troia senza cavallo: tornate al via.
9. La Gardini ha la vescica piena e non ce la fa proprio a farla se siete là che guardate: indietro di 3 caselle.
14. Livia Turco nutre profonde riserve su come siete assistiti in famiglia e vuole venirvi a trovare a tutti i costi: scappate indietro di 4 caselle.
18. Ruini vi accusa di disgregare la famiglia, senza specificare quale: tornate al via.
19. Cossiga vi denuncia per omicidio del consenziente: per non commettere un omicidio di dissenziente, tornate indietro di 2 caselle.
23. Luca Volontè apre bocca e sciorina cinque errori grammaticali nelle prime quattro parole: indietro di 3 caselle.
26. Ferrara minaccia di fare il vostro nome alla CIA: e voi, anche in ossequio alla rima, tornate al via.
27. Lozano Barragan biascica qualcosa sull’uso preservativo: nel tentativo di interpretare il suo accento alla Julio Iglesias, scivolate indietro di 5 caselle.
29. Marcello Pera tenta di spiegarvi il suo concetto di laicità: prima che sopraggiungano i conati, tornate indietro di 1 casella.
31. Giovanardi non apre bocca, ma basta guardarlo per tornare indietro di 6 caselle.
32. Rutelli vi accoglie gridando lo slogan “Sulla vita non si vota”: voi invece correte a votare sì, ripartendo dal via.
33. Luigi Bobba vuole assolutamente scrivervi una lettera in cui spiegarvi le ragioni per continuare a torturare ogni malato terminale: date un indirizzo falso e volate indietro di 3 caselle.
41. La Russa vi accusa di strumentalizzare i dadi, la pedina e l’intero gioco dell’oca, oca compresa: tornate indietro di 4 caselle a riflettere.
42. Buttiglione vi spiega le analogie tra omosessuali e pedofili: predete i sensi e vi ritrovate al via senza ricordare perché.
45. Cesa sorride, e tanto basta: atterriti, tornate indietro di 1 casella.
47. Fausto Bertinotti ci tiene a comunicarvi che si sente felice quando, a messa, scambia un segno di pace con il vicino di banco: il rinculo vi proietta indietro di 7 caselle.
50. Gasparri cerca di convincervi a colpi di crocifisso che il medesimo non deve essere rimosso dalle aule scolastiche e giudiziarie: malconci, andate indietro di 2 caselle.
52. Francesco Paolo Casavola apre bocca e vi fa rimpiangere Francesco D’Agostino: riflettendo sull’adagio secondo il quale il peggio non è mai morto, tornate al via.
53. Mastella promette battaglia nell’iter parlamentare sui Di.Co.: ricordandogli che quell’iter non avrà mai luogo, retrocedete cristianamente di 4 caselle.
54. Mantovano rileva il vostro desiderio di abrogare la legge 40 ma rilancia proponendo l’abrogazione della 194: storditi dai numeri, tornate indietro di 5 caselle.
55. D’Agostino vi accusa di adoperare scarsa delicatezza nell’affrontare il dolore umano: tornate al via in punta di piedi.
58. Paola Binetti vi ricorda che il gioco dell’oca non è nel programma del Governo, e quindi, oltre a non poter essere giocato, non può formare oggetto di fiction televisiva: indietro di 4 caselle.
59. Rosi Bindi sottolinea che nel programma dell’unione non è scritta la parola gioco dell’oca, ma la sigla Gi.Vo.Co. (Gioco con Volatile da Cortile): il risucchio della siglia vi spedisce indietro di 3 caselle.
64. Gianfranco Fini afferma che, poiché non siete capaci di intendere e volere, non potete lanciare i dadi, né soprattutto chiedere che qualcuno li lanci per vostro conto: inconsciamente, tornate al via.
68. Pedrizzi vi mena, senza tanti fronzoli: l’ultimo cazzotto vi fa scivolare indietro di 3 caselle.
71. Il Cardinal Bertone vi propone un ingaggio nella squadra di calcio del Vaticano: tornate indietro di 2 caselle per confessarvi e iniziare gli allenamenti.
72. Fassino vi assicura che il Governo non ha abbandonato il disegno di legge sulle unioni di fatto: l’improvvisa crescita del suo naso appuntito vi spinge vorticosamente all’indietro fino al via.
77. Andreotti vi spintona e vi fa cadere, aggiungendo immediatamente di non averlo fatto apposta: il ruzzolone vi manda indietro di 3 caselle.
81. La Carfagna vi accusa di sterilità costituzionale spingendovi indietro a colpi di reggiseno a balconcino: storditi, riparate 1 casella indietro.
82. Umberto Bossi vi ricorda l’importanza della famiglia rappresentata nel presepe, invitandovi nel contempo a interpretare la parte dell’asinello: rifiutate gentilmente, incamminandovi insieme ai pastorelli 4 caselle indietro.
86. Casini vi attacca un pippone su quanto sia stato doloroso separarsi dalla propria famiglia con radici cristiane, accusandovi nel contempo di voler distruggere quella degli altri: confusi, andate indietro di 1 casella.
89. Ratzinger sorride, ce l’avevate quasi fatta eh? Cristianamente, vi precipita con un anatema fino al via. Senza funerali religiosi.