1978

August 26, 2007

Well, someone told me yesterday That when you show your love away
You act as if you dont care

You look as if you’ re going somewhere…

I primi Police, quelli di Roxanne. I primi, quelli con il basso e la voce di Sting, con il reggae che fa capolino, sostituito subito da obbligate sonorità punk, da una cassa che si fa rock, che entra timida come il modo in cui si affacciano al successo, ma che prosegue decisa, unica, come sarebbero sempre stati da allora.

So lonely…

Energia cinetica, che, prendendoti per mano ti trascina fuori dallo stato d’animo dei Police, e non ti accorgi che continua, a raccontarti di un amore triste.


Ooooh … Ramones. Influenti, Ramones. Prorompenti. Fanno eccezione. Anticipano di poco Sex Pistols e Clash. Con un suono, un look, una storia che sconvolge il mondo del punk rock. Non si dimenticano. I “fratelli Ramone”, non hanno mai suonato una cover in vita loro. Creativi, svogliati e in constante confronto parallelo ed inconscio con i Beatles, scrivono i loro brani, la loro musica, i loro testi. Danzano sui loro limiti, falliscono spesso e volentieri, dal vivo. Ma sono strabilianti, per cosa contengono. Un critico inglese li saluta come «i salvatori del rock ‘n’ roll». Credo non se ne siano mai resi conto.

“Se un uomo può dire di essere arrivato al successo nella vita in base al fatto di avere dei grandi amici, allora io ho avuto molto successo.”
Johnny Ramone.

Billy Joel è un musicista classico. E si sente, l’impostazione del ritmo, della voce delicata, gli strumenti che tra loro si abbracciano. Amava Beethoven. E componeva con la delicatezza del jazz, musica per tutti. Questo pezzo ricorda il suo passato, non anticipa il grande successo ma riassume cosa è stato dall’età di 14 anni, quando ha iniziato, fino a quel momento. L’incipit mi ricorda Emerson Lake a Palmer. Poi si sgonfia. Il resto, è Billy Joel. L’inventore di una cortese, sognante, ridondante orchestra da piano bar.