Mentre si multa chi compra sesso

c’è chi compra sesso con una multa

Advertisements

L’occasione mi è gradita per precisare quanto segue.
A mio modesto avviso, le cose che uno fa quando si trova dentro al proprio letto appartengono alla sfera dei cosiddetti cazzi suoi, e tali dovrebbero rimanere.
Sempre secondo il mio parere, inoltre, ove tali circostanze vengano occasionalmente (nonché indebitamente) portate all’attenzione dell’opinione pubblica, esse dovrebbero essere considerate del tutto ininfluenti ai fini dell’idoneità del soggetto che le ha poste in essere a ricoprire qualsivoglia incarico nell’organizzazione sociale, nessuno escluso; mentre ai fini della suddetta idoneità è invece assolutamente determinante, ancora una volta secondo la mia opinione, il fatto che uno abbia il brutto vizio di ficcare il naso negli affari privati degli altri, ricavandone lo spunto per formulare giudizi e lanciare anatemi.
Esemplificando, giacché la premessa è piuttosto articolata: a parità di età, competenza, istruzione e quant’altro, affiderei i miei figli molto più volentieri a uno che quando torna a casa si fa dare qualche colpo di frusta senza rompere i coglioni ad alcuno, piuttosto che a uno che si straccia le vesti in ragione del fatto che a quell’altro piace farsi frustare.
Figurarsi se ho qualcosa in contrario al fatto che il frustato in questione sia a capo della Formula Uno…
Spero di essere stato chiaro.


Da un commento (anonimo, come da copione) al post precedente:

C’è poco da scherzare si tratta di un episodio triste e squallido.

Per dirla tutta, non è la prima volta che una scena di sesso si svolge in un confessionale, o dentro a una chiesa, o magari in sagrestia; solo che stavolta si trattava di un uomo e una donna, mentre di norma uno dei protagonisti è un prete, e l’altro un ragazzino (o una ragazzina, a seconda dei casi).
Per cui, amico mio, voglio venirti incontro: ammettiamo, per amor di discussione, che l’episodio sia triste e squallido.
Cionondimeno, converrai con me che c’è di peggio, o sbaglio?


Cliccare qua per gli scabrosi dettagli.

Orgia editoriale

April 1, 2008

Solo per precisare che, a modestissimo avviso di chi scrive, se uno tromba vestendosi da nazista, da Diabolik, da marinaio o da Fantomas, quelli sono, e dovrebbero rimanere, cazzi suoi.
Che, sia detto per inciso, tra trombare vestito da nazista ed essere un nazista c’è una gran bella differenza: almeno pari, direi, a quella che corre tra trombare vestito da Batman ed essere Batman.
Che, pertanto, la recente bufera mediatica somministrata ai lettori dai quotidiani di mezzo mondo si colloca ben oltre il limite della decenza.
Lei, e non le orge in costume.

Com’è ormai noto a tutti, i vescovi della CEI hanno deciso di dire la loro anche sulle scene erotiche dei film, arrivando a proporre l’obiezione di coscienza perfino agli attori, che a loro dire dovrebbero rifiutarsi di recitare sequenze troppo spinte.
Siccome, a dire la verità, non se ne può più, sono lieto di lanciare su questo blog l’iniziativa

TROMBIAMO PER LA LAICITA’

Nella settimana che va da oggi al 20 febbraio (c’è anche di mezzo San Valentino, meglio di così…), gente, trombate! Trombate con la vostra compagna, col vostro compagno, con il vicino di casa, la collega di lavoro, il barista, l’idraulico, la postina; trombate con persone del sesso che preferite, da soli, in due, in tre, in quanti volete voi; trombate guardandovi negli occhi, guardando la televisione o bendati; trombate avvinghiati, di fronte, di lato, di fianco, di sguincio, uno sopra all’altro; trombate nudi, seminudi, con tutti i vestiti addosso o mascherati da Batman; trombate in silenzio, sussurrando, gridando o cantando l’Aida; trombate a casa, al mare, in macchina, in ufficio, dietro un cespuglio o dentro a un garage; trombate al buio, a lume di candela o con un faro puntato addosso.
Insomma, trombate come cazzo vi pare ma trombate, in barba agli anatemi di chi vorrebbe mettere bocca anche nelle nostre mutande, pontificando, maledicendo e minacciando scomuniche.

Quindi, amici miei, aderite numerosi, e fate aderire quante più persone riuscite a coinvolgere diffondendo l’iniziativa: cliccando qua potete scaricare il codice del banner da inserire nel vostro blog.
E mi raccomando, gente: trombate, trombate, trombate.

Diciamoci la verità: questa è meglio di tutte le commedie trash messe insieme…

Segnalazioni esaustive

December 12, 2007

Il mio amico Alessandro mi segnala questo articolo con una mail intitolata “La follia”.
Obiettivamente, non c’è altro da aggiungere.

name=”movie”/>

The Beatles, The Fool on the Hill, Magical Mistery Tour, 1967

Mirabolanti rivelazioni

November 29, 2007

Ovvero, quando si dice che uno ti spalanca davanti agli occhi un mondo sconosciuto…

Catechismo a parte, la morale sessuale della Chiesa Cattolica è composta anche da quanto affermato, nel corso dei secoli, dai teologi che si sono occupati della questione: a volte, per la verità, con esiti quantomeno singolari.
Provate a rispondere alle dieci domande proposte, tenendo conto del fatto che le risposte corrette sono ampiamente documentabili, poiché tratte dalla casistica o dall’opera di famosi teologi.
Allora, vogliamo vedere se c’è qualcuno che conosce davvero le regole?
Update: nel momento in cui scrivo avete completato il test in 19, e la tabella riassuntiva mi dice che il 10% di voi, vale a dire ben 2 persone, hanno azzeccato tutte le risposte esatte. Mi fa piacere, Cardinal Ruini, che Ella abbia deciso di misurarsi col mio test: però, suvvia, barare facendolo due volte…

Get Your Own Quiz!, More Quizzes