Rewind

July 18, 2008

Incollo qua sotto uno stralcio dell’articolo con il quale Luca Volontè, lo scorso 30 maggio, commentò la vicenda del piccolo Davide Marasco; il corsivo, lo ricordo, era intitolato “L’incredibile cinismo di quei genitori di Foggia“.
Davide è morto la scorsa notte, in un reparto di rianimazione, dopo un’accuratissima e dolorosa tortura; la medicina attuale, attraverso le pronunce unanimi di molti suoi esponenti, non gli accordava alcuna speranza di sopravvivenza superiore a qualche mese: cionondimeno, Volontè trovò il modo (o la faccia, fate voi) di scrivere quello che state per leggere.
Credo che non ci sia bisogno di ulteriori commenti.

Se tutto andrà bene, sino all’età di dieci anni, Davide dovrà sottoporsi a
dialisi e poi sarà trapiantato e starà benone. I genitori vogliono consegnarlo invece alla morte, interrompere le cure e lasciarlo morire… lui che vuol vivere. Con loro, oltre ai radicali, il solito suono stridulo dei compassionevoli sacerdoti della “perfezione”, del bambino pubblicitario, settebellezze e successi. Non sarebbe giusto curarlo per dieci anni per poi guarirlo, meglio accopparlo subito così si spende meno, si ha un impiccio in meno e poi si consente la vita più agiata agli “adatti”. Cartagine sacrificava i fanciulli al demone per aggraziarselo, in Italia si sacrificano i neonati al “dio” consumistico della perfezione. Strano solo che nessuno si chieda che i sacerdoti di tale criterio, siano essistessi imperfetti e, aggiungo, con molte rotelle fuori posto. Davide vivrà, lo ha deciso il tribunale e il medico se ne prenderà cura, sempreché i genitori non montino una campagna per il funerale del proprio figlio.

Advertisements

11 Responses to “Rewind”

  1. rip said

    Creperà anche Volontè, prima o poi.

  2. Grendel said

    Intanto ci fa da “tacca”, per vedere quanto in fondo si può arrivare.

  3. Anonymous said

    A questo rivoltante individuo, e ai suoi simili, della vita degli altri non importa un fico secco. Tutti i suoi interventi sono puro marketing, esercizi di cinismo. Uno così farebbe perdere la fede persino a una suora di clausura.

    Marco

  4. Shaadow said

    Un sonoro VAFFANCULO a Volontè ci sta tutto,consentitemelo

  5. d-K said

    Non credo ci sia bisogno di ulteriori controprove, qualche parassita gli ha fatto il nido nel cervello e queste sono le conseguenze.
    (Almeno lo spero: per me è insostenibile pensare che uno che fa di queste dichiarazioni abbia della materia grigia intatta.
    Che schifo!)

  6. Unaperfettastronza said

    Tu che lo ami: ma è lui che rimpicciolisce o compra occhiali sempre più grandi?

  7. Marcateo said

    Mi spiace comunque che quel bambino sia morto. Ma soprattutto mi spiace che sia nato. Quanto a Volontè…mi spiace soltanto che sia nato, ma egli può rimediare il mio dispiacere!

  8. poverobucharin said

    Lo dializziamo, poi trapianto, e starà benone fra dieci anni.
    Testa di cavolo, insulsa e vaniloquente testa di cavolo, Volonté.
    E c’è pure il rischio che il suo partito si allei col PD.
    Asse Rutelli Volonté, schifo.

  9. raser said

    definirlo uomo di merda è inesatto: il termine “uomo” è fuori posto

  10. Alfonso said

    @unaperfettastronza: non sono gli occhiali ad ingrandirsi, è la sua testa che si rimpicciolisce. Collasso per depressione interna.

  11. Gabriele said

    volevo dirgliene quattro sul suo sito di m***a, ma non riesco a cliccare sulla bustina e sulla parola Scrivimi. Concordo con grendel, da oggi il poi il “Volonté” deve essere l’unità massima di misura della deficienza umana.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: