La tortura infinita

June 20, 2008

Riassunto delle puntate precedenti.
Davide Marasco nasce a Foggia il 28 aprile 2008 ed è affetto dalla Sindrome di Potter: niente reni, piedi torti, niente ureteri e vescica, malformazioni al viso, malformazioni intestinali e anorettali, problemi cardiaci; inoltre, poiché gli è mancato l’ossigeno durante il parto, Davide ha probabilmente riportato anche gravi danni cerebrali. Davide non ha alcuna possibilità di sopravvivenza, ma il Tribunale dei Minori di Bari decide ugualmente di sospendere la potestà dei suoi genitori, nominando tutore il primario del reparto di terapia intensiva degli Ospedali Riuniti.
Dopo un mesetto, e dopo aver fatto un bel po’ di casino, i genitori di Davide ottengono che il Tribunale restituisca loro la potestà sul figlio; il provvedimento, tuttavia, è una specie di scatola vuota, giacché il diritto di decidere viene loro riassegnato a patto che accettino le terapie proposte dai medici senza fiatare, con la minaccia che in caso contrario tale diritto verrà nuovamente sospeso.

Gli ultimi sviluppi

Lunedì scorso le condizioni di Davide si aggravano: il bimbo ha una crisi cardiorespiratoria e viene intubato senza chiedere ai genitori alcun parere; il che, tra parentesi, la dice lunga sullo spirito con cui il diritto di decidere sulla sorte del figlio era stato loro riassegnato.
Ora il bimbo è sottoposto a dialisi e intubato.
La tortura, signori, prosegue.
Gli amanti del genere saranno contenti.

17 Responses to “La tortura infinita”

  1. DF1989 said

    E tutto questo in nome della “sacralità della vita”, qualunque cosa questa idiozia voglia dire. Mi dispiace quasi che Dio non esista, perché mi piacerebbe che mandasse queste persone all’inferno.

  2. mariuzzoweb said

    senza parole…

  3. Holer said

    La prima domanda che mi viene in mente e che vorrei rivolgere a quegli sperimentatori buontemponi dei medici è:”ma c’è qualche speranza che ‘sto bimbo possa GUARIRE per poi condurre una vita normale o quasi? Oppure, sempre che vivrà fino al mese prossimo, sarà costretto a letto, intubato e ‘dialisato’ per sempre? E perfino incosciente di quanto gli sta accadendo?”

  4. Inyqua said

    Non faccio una difesa corporativa, ma i medici c’entrano fino ad un certo punto. C’entra invece il clima di terrore che si instaura in alcuni ospedali quando qualcuno si azzarda a parlare di accanimento terapeutico, ed a cui i medici spesso devono sottostare. C’entrano i magistrati iperefficienti che pensano solo ad ingraziarsi i vescovi.
    E c’entra la potentissima lobby dei medici cattolici, che cercano di imporre il loro punto di vista che spesso ha poco o nulla di scientifico e anche di semplice buonsenso….Bah…

  5. Anonymous said

    scusate, ma cosa vorreste fare a quella povera creatura?
    Ucciderlo forse ?
    E perchè poi?
    Che vi ha fatto di male ?

    IL NEOBORBONICO

  6. Sherasade said

    @ Neoborbonico
    In effetti, torturarla è molto meglio, che soddisfazione ci sarebbe in una semplice morte indolore?
    Quella povera creatura è nata con tutte le disfunzioni, non proprio da nulla vorrai concordare, sopra elencate, e sarebbe morta immediatamente se certi dottor Mengele non l’avessero riempita di tubi e tubicini per costringere il suo cuore, che non è fatto per battere, a battere.
    Quella povera creatura, con un minimo di petas, sarebbe stata sedata e lasciata morire in pace in un paese civile, invece di essere sottoposta a questi trattamenti terrificanti senza nemmeno consultare i genitori.
    Questa la chiami vita?
    E’ questo che stai dicendo?
    Si parla tanto della osannata morte naturale, ora spiegami, per cortesia, cosa stracazzo c’è di naturale nell’esistere (perchè questo non è vivere) SOLO ED ESCLUSIVAMENTE perchè una decina di macchinari sostituiscono gli organi che non hai e fanno funzionare quelli che hai e che, naturalmente, non funzionerebbero.
    Per che cosa? per farlo esistere per altri 2 mesi in quelle condizioni e andare, comunque, incontro a morte certa?
    Ora sono io che ti chiedo cosa ti ha fatto quella povera creatura, e soprattutto cosa ti hanno fatto i suoi genitori.

  7. Sherasade said

    * errata corrige, volevo scrivere “PIETAS”, non “petas”.
    ehm.

  8. Anonymous said

    vedi scherazade le disfunzioni che rilevi nel povero bambino il quale senza cure e macchinari non rimarrebbe in vita si possono anche rilevare nei malati adulti, negli anziani.
    C’è chi vive grazie al macchinario della dialisi, ci sono vecchi non autosufficienti che senza aiuti e macchinari esterni morirebbero immediatamente.
    Che facciamo ? Li facciamo morire?

    Come e con quale coraggio ci si può ergere a GIUDICI DELLA VITA DEGLI ALTRI, fino al punto di stabilire quando e come una vita non è degna di essere vissuta?
    Chi siamo noi per stabilire se un vita è degna di essere vissuta?
    Gli spartani uccidevano quei bambini che ritenevano non degni di vivere. Goebbels parlava spesso che alcuni individui non sono degni di vivere. Questa è l’eugenetica: la paura e l’annientamento del diverso dalla norma, la difficoltà ad accettare l’eccezione, il monstrum, la repulsione verso ciò che non ci asspmiglia, il desiderio di sopprimere il difettoso.
    La vita umana è sacra: se viene meno questo principio allora tutto è lecito, è lecita l’eugenetica spartana e quella nazista .

    E’ angosciante questo desiderio di sopprimere quel bambino. Lo giudicate così repellente tanto da desiderarne la soppressione ?
    Eppure non fa nulla di male, sta lì che vive il suo istinto primordiale che accomuna tutte le espressioni della natura: l’istinto disperato di vivere !

    IL NEOBORBONICO

  9. Marcoz said

    Mi scusi, sig. Neoborbonico, ma forse lei sta commentando il post sbagliato.
    Se così non fosse, chiedo: lo sa lei cos’è la Sindrome di Potter? Cosa dice al riguardo l’Oms? Cosa significa accanimento terapeutico? Lo sa che un neonato non si rende conto della situazione che vive ma, senza ombra di dubbio, è in grado di provare dolore?
    Date le risposte a queste domande potrebbe poi chiedersi perché i medici che hanno in “cura” il bambino si ostinino a mantenere l’attuale trattamento, quando le possibilità di sopravvivenza sono a zero: hanno messo a punto una nuova tecnica che risolva almeno in parte i problemi causati dalla sindrome in questione? Quanto tempo pensano di concedere, in questo modo, alla “vita” del neonato? Insomma, i dottori, dove vogliono andare a parare?

  10. ricky said

    @ neoborbonico

    lei, egregio signore, è in malafede.
    lei straparla riguardo la volontà di qualcuno di sopprimere un bambino che secondo lei esprime l’istinto disperato di vivere. ma che sta dicendo? ma che accidenti sta dicendo?
    quel povero bambino è del tutto incapace di sostenere autonomamente qualsiasi funzione fisiologica elementare autonoma e nessuno mai ha manifestato la necessità di sopprimerne l’esistenza (sopprimere significa intervenire attivamente per porre termine a qualcosa, butti un occhio ad un qualsiasi dizionario di italiano, quando può prendersi una pausa al suo discettare).
    quello che si rivendica è il rispetto della dignità di una creatura che, malgrado il migliaio di macchine che la tengono in vita, non ha nessuna possibilità di sopravvivenza. al contrario le macchine medesime consentono al bambino di provare dolore (fisico).
    quello che si rivendica è il diritto di morire senza strazio.

    l’eugenetica (conto che lei abbia sempre il dizionario lì vicino), si sforzi di comprenderlo, ci provi, c’entra come i cosiddetti cavoli a merenda.

    casomai sarebbe il caso di introdurre un neologismo per definire tutta quella serie di attività che si prefiggono lo scopo di prolungare a tempo indeterminato le sofferenze di un individuo non consapevole o non consenziente utilizzando la tecnologia disponibile e tutta una serie di balorde argomentazioni pseudo morali e pseudo etiche per giustificarla e che hanno come finalità ultima il raggiungimento di un qualche genere di profitto per la lobby della gestione del dolore, della sofferenza, dello sgomento e dello smarrimento degli esseri umani: tortura è un termine diretto ma non mi sembra perfettamente calzante.
    lei ha qualche suggerimento?

    cordiali saluti.

  11. raser said

    che schifo!

  12. Sherasade said

    Secondo la definizione di Merk “l’agenesia renale bilaterale (assenza di entrambi i reni o sindrome di Potter) è incompatibile con la vita. È associata con oligoidramnios, ipoplasia polmonare e impianto basso delle orecchie. L’agenesia renale unilaterale non è infrequente e può essere accompagnata da agenesia ureterale, assenza del trigono vescicale e dell’orifizio ureterale omolaterale.”
    L’accanimento terapeutico, secondo la definizione dell’art. 20 del codice
    medico deontologico italiano è l’“irragionevole ostinazione in
    trattamenti da cui non si possa attendere
    un beneficio per il paziente od un miglioramento
    della qualità di vita”.
    Punto.
    I cattolici smetteranno mai di avere un terrore talmente cieco della morte da inventarsi la vita eterna e da costringere un bambino innocente a mesi di sofferenze atroci senza alcuna possibilità di sopravvivenza?

  13. NEOBORBONICO said

    Scherazade, ammettiamo che sia vero quello che hai scritto e che quindi sia in assoluto impossibile salvare il bambino e che questo abbia solo pochi mesi di vita, tu avresti il coraggio di staccare la spina e farlo morire in anticipo?
    Io no !

    Ricky, rispondo alla tua domanda: si tratta di “timor Dei”.

    IL NEOBORBONICO
    http://mirage.ilcannocchiale.it

  14. ricky said

    @ neoborbonico

    a volerla proprio buttare sul generico io constato che il timor dei, e specificamente il timore del dio cristiano, ha prodotto milioni di morti nel corso della storia, in tutti i continenti, con modalità le più raccapriccianti, ha prodotto oscurantismo, ha prodotto inauditi privilegi e ricchezze per i timorati ed esclusione e denigrazione per i più audaci di pensiero. eccetera eccetera.

    oscurantismo, privilegi ed esclusione ultimamente, in italia, sono in rapido incremento, e sempre a beneficio dei timorati della divinità di cui sopra. è una gran comodità farsi interpreti di superiori e imperscrutabili volontà e imporle al prossimo, vero?

  15. NEOBORBONICO said

    Ricky, vuoi conoscere gli effetti del timor Dei? Allora leggi questo post sul mio blog:

    http://mirage.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=1266545

  16. Sherasade said

    @ Neoborbonico
    Io a quel bambino le macchine nemmeno le avrei attaccate.
    Ma non è questo il punto.
    Il punto è che se c’è qualcuno che può e deve scegliere se lasciarle attaccate o meno questi sono i suoi genitori, nessun altro, proprio perchè esiste l’accanimento terapeutico e perchè, in mancanza di maggiore età e capacità di intendere e volere, sono i genitori che decidono a quali terapie sottoporre i propri figli.

  17. ricky said

    @ borbonico

    un post demente.

    dimostrazione (usando gli stessi argomenti):

    in iran rafsanjani, successore di khomeini, intriso della stessa follia confessionale, si sta preparando a costruire la bomba atomica, malgrado le smentite ufficiali a cui nessuno crede, e dichiara apertamente la prossima distruzione dello stato di israele. nel frattempo, come il suo timorato predecessore, rende omaggio al suo dio impiccando omosessuali minorenni, sottomettendo le donne e, en passant, proibendo qualsiasi manifestazione di libero pensiero, sia essa pubblicare un giornale indipendente o ascoltare musica rock. (incidentalmente: non si capisce perchè l’atomica debba essere appannaggio di usa, india, pakistan, israele eccetera e non iran: mah. ma questo è un altro discorso).

    negli stati uniti george bush, dichiaratamente cristiano, inventa il vergognoso principio della guerra preventiva ed esporta ed importa morti ammazzati come fossero prugne californiane facendo tranquillamente ottimi affari col business della guerra.

    bonino, come nella tradizione radicale, si dichiara pacifista, non si capisce cosa c’entri nella lista degli atei cattivoni.

    mi segnali pure altri post, magari un cicinino più impegnativi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: