C’è la pelle di un vecchio serpente appena uscito dall’uovo/ 2

June 18, 2008

Ricevo e pubblico questo testo, redatto da alcuni operatori di una struttura di accoglienza per minori e pervenuto a un mio amico attraverso un Consigliere Comunale di Torino.

Invio a tutti voi il racconto di un episodio a dir poco imbarazzante per le forze dell’ordine e rivelatore del clima che aleggia nei confronti dei nomadi presenti sul territorio.
Venerdì sera alle ore 19.30 circa due carabinieri hanno fermato un ragazzo minorenne di etnia rom durante “un normale controllo” in un parco rionale di Torino. Quello che non è normale è che il ragazzo, che risiede in una struttura di accoglienza, è stato ammanettato dietro la schiena con violenza, presi a pugni e sbattuto più volte con violenza contro il muro semplicemente perché NON IN POSSESSO DI DOCUMENTO IDENTIFICATIVO. I carabinieri si sono limitati a portare il ragazzo presso la struttura di accoglienza (dove peraltro sta effettuando un percorso di reinserimento all’interno della società con buoni risultati), richiedere conferma dell’identità del ragazzo ed i documenti dell’operatore presente, commentare l’episodio con frasi come “Verrà segnalato il fatto a chi di dovere”, “Ora il clima è cambiato, vi facciamo chiudere”, “La prossima volta che lo troviamo senza documenti lo arrestiamo per resistenza a pubblico ufficiale”, “I ragazzi italiani non hanno strutture come queste”, frasi che denotano atteggiamenti stereotipati, razzisti ed ignoranti. Se ne sono andati SENZA AVER LASCIATO UN VERBALE, cercando quindi di non lasciare tracce.
Evidentemente non sono bastate le rassicurazioni delle altre persone presenti al parco che hanno spiegato la provenienza del giovane e le sue difficoltà linguistiche, le continue richieste di spiegazioni dell’operatore e l’evidente non pericolosità del ragazzo per preservarlo da un trattamento che indica una chiara volontà politica di intimidazione nei confronti dei diversi.
Provate a pensare se vostro figlio, al parco, senza documenti perché li ha dimenticati a casa o perché ha meno di 15 anni, ricevesse un trattamento simile e vi fosse riportato a casa ammanettato e picchiato, con due energumeni che sbraitano frasi come “Non c’è più rispetto per la divisa che porto” e ancora “Dovreste insegnare l’educazione a vostro figlio”. La domanda che pongo a tutti è: Quale sarebbe la vostra reazione? Non credo solo indignazione, credo anche denuncia e mobilitazione. Ed è proprio quello che dovremmo fare tutti insieme: denunciare il clima, i mandanti (visti gli episodi di questi giorni non mi sembra sia un caso isolato) e gli esecutori,
nonché mobilitarci e far sentire la nostra voce per porre fine a questi vergognosi abusi.

Advertisements

4 Responses to “C’è la pelle di un vecchio serpente appena uscito dall’uovo/ 2”

  1. mariuzzoweb said

    italia senza dignità,zimbello del mondo intero!

  2. Leilani said

    Che schifo che mi fa questo paese.

  3. Sherasade said

    Senza dignità nè memoria storica, sono passati solo 70 anni da quando eravamo noi i deportati in America, e la nostra reputazione laggiù ancora ce lo ricorda, ma l’importante è dimostrare che alla fine c’è sempre chi sta peggio di noi con cui prendercela.
    Bah, da vomito.

  4. Knulp said

    l’ultima affermazione (“pensate se vostro figlio …”) non è tanto strana o lontana dalla realtà. In Sicilia (ma anche in altre regioni d’Italia) ci sono molti ragazzi italiani dalla pelle molto scura e dai tratti marcatamente nordafricani. Perché i siciliani soprattutto, ma anche tanti altri italiani, sono un miscuglio di razze, e qualche volta capita che ne esca uno più scuro della media, o con i capelli crespi. Tanti miei compagni di classe a scuola erano (sono) così. Ora, toglietegli i documenti e metteteli in un parco pubblico alla mercé di questi deficienti: quante probabilità hanno di prendere mazzate?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: