Esempio fascista

April 23, 2008

Lo sapete tutti, come la penso.
Sta di fatto, però, che Paola Breda ha rifiutato di curarsi il cancro per far nascere suo figlio: il che equivale a dire che ha fatto una scelta libera.
Uno striscione da ventennio, onestamente, non se lo meritava.

Advertisements

11 Responses to “Esempio fascista”

  1. Anonymous said

    Che brava…

    lascia un figlio che non conoscerà mai la madre, un marito nella m… (se abbia altri figli non lo so)

    solo una grande egoista… per tacer del resto…

    IDIC 2

  2. Metilparaben said

    Non ci siamo.
    Paola Breda ha scelto: figurarsi se proprio io mi metto a giudicare una che sceglie, a sindacare il contenuto di quella scelta. Fosse così, avrebbe ragione chi sostiene che dalle nostre parti si confrontano due integralismi.
    Il post riguarda lo striscione e il commento di Militia Christi: i quali, adoperando toni fascisti, non mi sembrano per niente adeguati ad onorare una persona che ha applicato l’esatto contrario del fascismo: ovvero la libertà di scegliere, come sono costretto a ripetere.
    E’ tutto.

  3. Leilani said

    Anche perchè nella seconda riga l’han fatta diventare PaolO.

  4. clementinaolga said

    onore alla scelta. e onore alla possibilità di farla.
    concordo con metilparaben, e aggiungo: certi striscioni rendono impossibile, o perlomeno assai penosa la scelta di altre donne, magari diversa da quella della loro “eroina”.
    gli eroi mi piacciono se stanno nelle rime di Omero. qui sul pianeta terra non siamo in carenza di milizie. piuttosto di uomini e donne. possibilmente pensanti.

  5. Metilparaben said

    Un certo Pio Pelliccioni ha postato un commento secondo il quale ogni libera scelta, indipendentemente dal suo contenuto, deve essere rispettata.
    Mentre do conto del suo parere (con il quale, peraltro, sono d’accordo), rilevo che gli insulti contenuti nel suo intervento (con i quali, invece, non sono d’accordo affatto) gli sono valsi la cancellazione del medesimo.
    Come egli stesso, d’altra parte, prevedeva.
    Saluti.

  6. fabio said

    ….e mentre scrivevo il mio post… saggiamente, metil ha cancellato il commento a cui facevo riferimento. Con argomentazioni che condivido. Non me ne stupisco: questo, secondo me, è un eccellente blog.

  7. Metilparaben said

    Ho cancellato anche il tuo commento, Fabio, che non sarebbe stato più comprensibile.
    Me ne scuso.

  8. fabio said

    Hai fatto bene.
    ciao

  9. Anonymous said

    “fu debolezza”
    chiedo venia
    Pio

  10. Anonymous said

    Si, hai ragione, non ho centrato il commento e me ne scuso…

    IDIC 2

  11. Anonymous said

    Non so bene se sia un dare la vita eroicamente o un mettere al mondo un orfano

    Comunque lei ha scelto. Altre donne hanno il diritto di scegliere diversamente e non essere chiamate assassine per averlo fatto (visto che si ha pudore a definire “assassina” l’infanticida Franzoni).

    Ammetto che mi turbano un poco queste esaltazioni… un po’ come il mito di Maria Goretti, in base a cui, fino a 20 anni fa, alle bambine si raccomandava che era meglio farsi ammazzare che “peccare” (equiparando la violenza pedofila – Maria Goretti aveva 11 anni – ai peggiori peccati della carne… taccio taccio e taccio ché è meglio) e che mai e poi mai instillerei un domani ad eventuali mie figlie…

    K.D.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: