Inequivocabilmente, un prete

March 19, 2008

Quello che vedete nella foto è inequivocabilmente un prete.
Si chiama Don Gallo, ed è il fondatore della Comunità di San Benedetto al Porto di Genova.
A proposito del vespaio che si è scatenato dopo il suicidio del ginecologo del Gaslini, ha avuto modo di dichiarare:

Un medico che si dichiara obiettore non è un medico completo, non dà al paziente una risposta completa.
(…)
Al centro di tutto rimane il principio dell’autodeterminazione della donna.
(…)
La legge 194 è passata attraverso un referendum.
(…)
Sembra che al di fuori dell’etica cattolica non possa esistere alcuna etica, questo non può reggere.

Wikipedia ricorda che Don Gallo, nel corso della sua carriera, ha dovuto subire vari trasferimenti a causa delle sue idee e dei suoi metodi, giudicati sovversivi dalle gerarchie vaticane.
Chissà come lo giudicheranno adesso, quelle gerarchie, un prete che sottolinea l’importanza dell’autodeterminazione individuale, che afferma la legittimità di una legge dello Stato, che nega l’esistenza di un monopolio dell’etica in capo alla Chiesa di cui essi rappresentano il vertice politico.
E chissà cosa ne penserebbero, di quel prete, se sapessero che raccoglie perfino la stima di un miscredente come me.
Magari, chi lo sa, continuerebbero ottusamente a trasferirirlo un’altra volta, e un’altra volta ancora; magari lo faranno davvero, senza il condizionale, e forse, chissà, faranno lo stesso con chi, dopo di lui, si troverà a pronunciare analoghe eresie portando addosso lo stesso abito.
Finché non si renderanno conto, fuori tempo massimo, che aveva ragione lui.
Non può reggere.
Sicuro come la morte, che non reggerà.

Advertisements

13 Responses to “Inequivocabilmente, un prete”

  1. Anonymous said

    io credo che un prete possa fare e dire quello che gli pare
    esiste l’autorità del Santo Padre che discende da Dio
    questo prete è un peccatore e non fa testo

  2. Anonymous said

    ho sbagliato volevo scrivere che io NON credo che un prete puo fare come gli pare
    anzi è la regola nella chiesa

  3. My funny Valentine said

    Sei sempre preda delle ire furibonde di Anonimi Baciapile, eh?? Ogni volta che vengo da te, c’è in deliquio qualche cripto-fondamentalista cattolico che lancia anatemi e scomuniche contro noi ‘peccatori’.
    Grazie per il barlume di speranza che viene dal tuo post e da questo illuminato ‘peccatore’ in abito talare.
    V

  4. NeoAlfa said

    Non è credibile l’anonimo qui sopra.
    Sicuramente è un troll di bassa lega.

  5. kore said

    Il dispiacere è che non si firma mai.
    Ecco se i preti fosse come questo forse non mi sarei allontanata, forse mi sarei battezzata e ora sarei credente. Peccato che poi invece siano la minoranza i preti come questo.

  6. Anonymous said

    Questo anonimo è proprio un cretino… sembra scritto apposta su di lui il libro delle Lettere di Firenze, “Capire la mente cattolica” di Edoardo Lombardi Vallauri… Leggete, gente. Fabius.
    PS Don Gallo, Don Ciotti, Mons. Bettazzi, un po’ Martini… Chi salvo, poi? Aiutami tu, Alessandro, a trovarne altri… sono così pochi…

  7. Eugenia said

    Già, non manca mai il fondamentalista di turno ( vabbè che poi è sempre lo stesso)…Comunque il prete ha ragione e non si discute, e mi domando sempre se seguitano nel pensiero del papa polacco che un giorno dal suo balcone disse che la chiesa si opponeva -fino al martirio- all’aborto ed alla regolazione delle nascite …Ma una domanda: il sacrificio di chi?
    Ciao

  8. Eugenia said

    Pardon…Ho dimenticato di scrivere che forse adesso fanno peggio…

  9. Anonymous said

    “Questo anonimo è proprio un cretino”
    “un trol di bassa lega”

    grazie per gl’insulti gratuiti comunque da gente come voi anticlericali non ci si puo’ aspettare niente di meglio. sapete solo offendere
    Questa è la vostra idea di dialogo come quando a suon di minacce violente avete messo il papa a tacere

  10. Anonymous said

    Caro Ale,
    qui mi trovi in disaccordo: un prete è sempre un prete. Mi spiego: anche quelli che sembrano più umani, ragionevoli o meno dogmatici, sono costituzionalmente doppi, vuoi per formazione – i poveretti sono al più cresciuti, dalla fanciullezza, in seminario: educazione ai sentimenti=zero, empatia=zero -, vuoi per scopo evangelico – tu, altro da loro, sei terra di conquista, alibi, espiazione, ragione di esistenza, mai un essere umano -, vuoi per esercizio di mero potere – hanno per forza bisogno della cotta per essere dei cavalieri senza macchia e senza paura? Perché stanno in quella fogna? La loro intelligenza/coerenza è a corrente alternata?-
    Certo, in terra caecorum vanno bene anche i monoculi. E qui ti risparmio la battuta :)))
    Tutto il pistolotto per dire: piano con la stima.
    E’ così che si è fatto fregare tripla V. :)))
    cari saluti

  11. Anonymous said

    Dalla risposta del “cretino” ulteriore conferma: a volte sbaglio per difetto… ma vattene su zenit o kattoliko…! PS nessuno ha messo a tacere il papa… precisiamo: il papa se l’è fatta sotto e a La Sapienza non ci è andato non perchè sarebbe stato violentato ma solo perchè sarebbe stato contestato… non ci è abituato, logico… Do you know the difference between violence and contestation? Fabius… Per il resto risponde metil…

  12. valeria said

    a proposito di anonimi: quello delle 20.55 ero io eh…
    buona giornata, v.

  13. Anonymous said

    Ho avuto la fortuna di andare ad un battesimo dove il prete che battezzava il bambino era Don Gallo. Non lo conoscevo ma vi assicuro che è stata la prima volta che ho ASCOLTATO veramente.
    Una grande persona

    Michela

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: