Otto per mille: tutta la verità

March 18, 2008

L’otto per mille è il meccanismo con cui lo Stato italiano, attraverso la scelta dei contribuenti, devolve una percentuale del gettito fiscale IRPEF (pari, appunto, all’8‰) allo Stato, alla Chiesa Cattolica o ad altre confessioni religiose.
Il meccanismo fu messo a punto a seguito del nuovo Concordato del 1984, con il quale la religione cattolica cessò di essere religione di Stato, e quindi per lo Stato stesso divenne impossibile pagare direttamente gli stipendi del clero cattolico, come invece avveniva a partire dal Concordato del 19291 (c.d. “congrua”).
Negli anni successivi lo Stato ha siglato analoghi accordi anche con le Assemblee di Dio, con la Chiesa Valdese e con i Luterani, con gli Avventisti e con le Comunità Ebraiche; nel 2000, inoltre, lo Stato ha firmato intese anche con l’Unione Buddista Italiana e con i Testimoni di Geova, ma queste non sono ancora state ratificate dal Parlamento.
Il meccanismo dell’otto per mille è apparentemente semplice: ogni cittadino che presenta la dichiarazione dei redditi sceglie se destinare l’8‰ della propria IRPEF allo Stato, alla Chiesa Cattolica, agli Avventisti, alle Assemblee di Dio, ai Valdesi, ai Luterani, agli Ebrei, ovvero se non operare alcuna tra queste scelte.
È proprio in quest’ultima possibilità che si annida la parte “non trasparente” della vicenda, perché l’8 per mille di coloro che non esercitano alcuna scelta (i quali, sia detto per inciso, sono la maggioranza), che a rigor di logica non dovrebbe essere destinato ad alcuno dei sette beneficiari, viene invece ridistribuito tra questi ultimi, nella proporzione corrispondente alle scelte effettuate da chi ha esercitato l’opzione.
Per chiarire il meccanismo potrà essere utile un esempio pratico, basato sui dati relativi ai redditi dell’anno 2000.

Importo complessivo dell’8 per mille:
€ 897.077.477

Contribuenti che hanno espresso la scelta:
39,62%

Contribuenti che non hanno espresso la scelta:
60,38%

Gettito IRPEF corrispondente alle scelte espresse:
€ 355.422.084

Gettito IRPEF corrispondente alle scelte non espresse:
€ 541.655.363

Come dicevamo, questi ultimi cinquecento e passa milioni, provenienti da coloro che non hanno espresso alcuna volontà, vengono ridistribuiti tra i sette beneficiari in base al calcolo che si va qui di seguito ad illustrare.
Tanto per iniziare, si prendono in esame i contribuenti che hanno scelto esplicitamente la destinazione del proprio otto per mille, calcolando quale percentuale abbiano ottenuto, tra quei soli contribuenti, i sette possibili beneficiari. Qui di seguito si riportano le percentuali in questione, espresse in rapporto alla sola quota dei contribuenti che hanno esercitato l’opzione (in verde) e in rapporto al totale dei contribuenti (in rosso):

Chiesa Cattolica:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 87,25%
Percentuale ottenuta sul totale: 34,57%

Stato:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 10,28%
Percentuale ottenuta sul totale: 4,08%

Valdesi :
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 1,27%
Percentuale ottenuta sul totale: 0,51%

Comunità Ebraiche:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 0,42%
Percentuale ottenuta sul totale: 0,16%

Luterani:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 0,31%
Percentuale ottenuta sul totale: 0,12%

Avventisti:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 0,27%
Percentuale ottenuta sul totale: 0,10%

Assemblee di Dio:
Percentuale ottenuta sui contribuenti che hanno scelto: 0,20%
Percentuale ottenuta sul totale: 0,08%

A questo punto si prende il totale dell’8 per mille non optato (pari, come si è visto, a cinquecento milioni di euro abbondanti) e lo si ripartisce tra i sette beneficiari, nelle stesse percentuali risultanti dalle scelte di chi ha esercitato l’opzione: alla Chiesa Cattolica, quindi, andrà l’87,25% di quell’importo, allo Stato il 10,28%, e così via, con le sole eccezioni dei Valdesi e delle Assemblee di Dio, che non partecipano a questa seconda distribuzione poiché devolvono la loro quota allo Stato.
L’effetto paradossale di questo meccanismo sta nel fatto che i beneficiari dell’8 per mille (e in particolar modo la Chiesa Cattolica) si vedono distribuire non solo i fondi di coloro che hanno scelto a chi erogarli, ma anche il denaro di quelli che non hanno espresso alcuna scelta. Per dirla con semplicità, non c’è scampo: l’8 per mille dell’IRPEF di ogni contribuente deve per forza essere destinato a uno o più di questi sette soggetti, che lo si voglia o no.
Il che produce, dati alla mano, ulteriori effetti ancora più paradossali.
Proviamo, infatti, a leggere un’altra serie di dati: per ogni beneficiario sono evidenziati in verde i fondi erogati in base alle scelte esplicite dei contribuenti, e in rosso i soldi ricevuti da coloro che non hanno esercitato alcuna scelta:

Chiesa Cattolica
Fondi erogati da chi ha scelto: 310.105.768
Fondi erogati da chi non ha scelto: 472.594.304

Stato
Fondi erogati da chi ha scelto: 36.537.390
Fondi erogati da chi non ha scelto: 63.644.505

Valdesi
Fondi erogati da chi ha scelto: 4.513.860
Fondi erogati da chi non ha scelto: 0
Comunità Ebraiche
Fondi erogati da chi ha scelto: 1.492.773
Fondi erogati da chi non ha scelto: 2.274.953

Luterani
Fondi erogati da chi ha scelto: 1.101.808
Fondi erogati da chi non ha scelto: 1.679.132

Avventisti
Fondi erogati da chi ha scelto: 959.640
Fondi erogati da chi non ha scelto: 1.462.469

Assemblee di Dio
Fondi erogati da chi ha scelto: 710.844
Fondi erogati da chi non ha scelto: 0

Com’era ovvio aspettarsi (il numero di contribuenti che non esercitano l’opzione è di gran lunga superiore al numero di coloro che optano), ciascuno dei sette beneficiari (con le due eccezioni di cui si è detto) percepisce la maggior parte dei fondi non da chi ha voluto destinarglieli, ma da coloro che non hanno espresso alcuna intenzione in tal senso.
E’ altrettanto evidente in base a questo meccanismo è proprio la che la Chiesa Cattolica, che raccoglie il maggior numero di consensi tra coloro che scelgono, ad avvantaggiarsi più di tutti dei soldi di chi non ha esercitato l’opzione.
Orbene, muovendo dal presupposto (ovvio, per la verità) che chi desidera destinare l’otto per mille della sua IRPEF alla Chiesa non deve fare altro che apporre una firma sul frontespizio della dichiarazione, si può desumere che chi non firma non desidera che quella destinazione abbia luogo: cionondimeno, circa l’85% del suo otto per mille viene comunque destinato alla Chiesa Cattolica, in base al meccanismo di ridistribuzione di cui si è detto sopra.
La conseguenza di tutta questa pappardella è che un mucchio di gente regala i propri soldi alla Chiesa Cattolica senza saperlo, e la Chiesa, da parte sua, accetta di buon grado senza battere ciglio.
Che ne dite, gente, dalla prossima dichiarazione dei redditi vogliamo stare attenti a dove finiscono i nostri quattrini?

Advertisements

13 Responses to “Otto per mille: tutta la verità”

  1. Nicola Andrucci said

    con me, buscano poco…

  2. Bastian Cuntrari said

    Poco o tanto, la prossima volta lo devolvo tutto alla chiesa Valdese, così va allo Stato.

  3. jherzog said

    bastian cuntrari, te gh’ee capii nagott… la chiesa valdese dà allo stato solo la sua “quota inespressa”. se dai la preferenza a loro il contributo va a loro. per fare avere i soldi allo stato devi scrivere stato.

    cmq il meccanismo mi sembra chiaro. come quando si vota. le schede bianche o nulle vengono equipartite tra le liste in corsa secondo le percentuali dei voti validi espressi. ed è come se ci fossero due liste che dicono “no, noi ci teniamo solo le preferenze esplicite per noi, la nostra quota di preferenze implicite la diamo alla lista x”. tanto piacere. comunque, mi sembra chiaro che se uno vuole dare i soldi allo stato scrive stato. se no delega altri a decidere, tanto più che non si devolve una quota del proprio reddito, ma si esprime una preferenza e tutti i voti valgono uguale. come alle elezioni.

  4. fabio said

    ” la chiesa valdese dà allo stato solo la sua “quota inespressa”. se dai la preferenza a loro il contributo va a loro”

    ….che la devolvono tutta in opere di carità, mentre la chiesa cattolica devolve solo il 20% del gettito all’assistenza ai bisognosi di tutto il mondo. Ergo, io la devolverò ai valdesi, anche per la correttezza che denotano destinando allo stato la loro quota di soldi “inespressi”.

    Non solo: Metil, dovevi aggiungere che circa la metà della quota che destinata allo stato va comunque a beneficio della chiesa (vedi wikipedia, alla voce 8 per mille).
    Insomma, è tutto un gigantesco gioco delle tre carte….forse era meglio la congrua.

  5. Anonymous said

    io sono d’accordo che i meccanismo non e’ giusto.,.pero’ non va dimentincato che i preti sopperiscono tantissime volte ad uno stato assente….non pensiamo agli alti prelati, pensiamo ai preti da oratorio, a quelli che stanno davvero sempre in mezzo alla gente e ai suoi problemi….pper fortuna, oltre alle mele marce, ce ne sono tanti che fanno un lavoro preziosissimo e insosituibile….o no???

  6. Anonymous said

    Post illuminante e chiarificatore.

    Ti dispiace se lo copio e lo incollo da me?

    il laicista
    http://illaicista.blogspot.com/

  7. Anonymous said

    bugie sempre bugie

    andate tutti sul sito dell’avvenire, in hompage c’è una serie di saggi che sbugiardano in modo scientifico tutte le leggende metropolitane sui soldi della chiesa compresa questa dell’otto pr mille
    vorrei vedere se non ci fosse la chiesa: le mense per i poveri gli ospedali, il ricovero per i barboni e per gli handicappati
    tutte cose che lo stato non fa e che delega alla chiesa
    bisognerebbe dare l’8 per cento altro che mille

  8. Weissbach said

    Ma del resto, non hanno fatto uguale con i non-voti al referendum?

  9. Marco said

    Grazie Metilparaben…
    Leggendo questo post per la prima volta in vita mia ho deciso di versare l’ottopermille… alla Chiesa Cattolica

  10. Lorenzo said

    è impressionante quanta gente prezzolata dalla Chiesa cattolica frequenti il tuo blog, Metil.
    D’altra parte, basti pensare solo a quanti insegnanti di religione cattolica ci sono: gente senz’arte né parte, ma che lo Stato paga per dare alla Chiesa il potere di retribuire i suoi fedeli con i soldi di chi, come me, semplicemente ritiene la fede un fatto privato.
    Molti integralisti, invece, vogliono che gli ammortizzatori sociali siano in mano alla Chiesa, in modo da poterli usare come arma di ricatto nei confronti di chi non crede o crede in altre fedi. Per esempio, nel cristianesimo (che del cattolicesimo è proprio il contrario).

  11. Anonymous said

    Ma st’Assemblea di Dio in Italia?
    a questo punto, visto che i soldi se li prendono comunque… quasi quasi glieli do a l’ultimo in classifica… tanto per non far rubare sempre i soliti (senza offendere i terzi, i quarti i quinti e i sesti in classifica, sui quali non ho informazioni utili a riguardo)

  12. tizio said

    @Anonimo…

    Certo controllare sul sito dell’Avvenire (giornalaccio di parte) delle prove non è il massimo…

    Se ad esempio vai nel sito di forza nuova mica c’è scritto che il partito è pieno di fasci infami…

    Da anni porto avanti le mie idee e son contento… Ho convinto un paio di famiglie oltre alla mia a non devolvere neanche un centesimo di euro…

    Se la chiesa ha bisogno di soldi vada a vendersi dal rigattiere l’oro, che ne ha in abbondanza, o le opere d’arte…

    Al limite vende qualche proprietà di quelle che gli lasciano i preti alla morte…

    Amen

  13. Joe said

    Siete un paese con leggi bizantine. Il labirinto e’ cosi’ complesso che non ne uscirete piu”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: