L’altra parte del cancello

October 8, 2007

Maycomb, Alabama.
C’è un uomo che vive dall’altra parte del cancello. Abita in una casa buia e non esce mai. Si dice che un giorno abbia accoltellato suo padre. Anche solo toccare la sua casa è considerata una prova di coraggio. “Boo” si chiamava. Boo Radley. Arthur “Boo” Radley. È il mio vicino e non lo conosco. Mi fa paura anche se non l’ho mai visto. Finché ci ha salvato la vita. A me e a mio fratello.
“Il buio oltre la siepe” è il titolo italiano del romanzo di Harper Lee, un romanzo su razzismi e pregiudizi che ha fatto venire alla mia mente in rapida successione tutte le volte che ero io a pregiudicare: quando stringevo a me la borsa sull’autobus o quando a pelle pensavo “quello è uno stronzo”. Ma anche a tutte le volte in cui la vittima del pregiudizio ero io.
Qualche volta il buio passa al di qua della siepe. Ma qualche volta si rischiara. Io sono contenta tutte le volte che mi passa la paura e riesco a varcare il cancello.

Camilla

Advertisements

One Response to “L’altra parte del cancello”

  1. Taz said

    Brava Camilla, mi è piaciuto il tuo post. E mi è anche venuta voglia di leggere il libro (o di vedere il film del 1962).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: