Crocifissione mediatica

October 3, 2007

Paola Turroni, sul sito Cultura Cattolica, commenta così la campagna di Oliviero Toscani sull’anoressia:

Ma è ingenuo, per non dire idiota, pensare oggi di utilizzare un’immagine per modificare anche soltanto l’emotività di qualcuno. Quante immagini di morte, torture, dolore, denutrizione, vediamo ogni giorno e quanto queste ci inducono a modificare il nostro modo di vivere e di pensare l’altro?

Detto da chi prova da duemila anni a modificare il modo di vivere della gente usando l’immagine di un tizio crocifisso, suona davvero poco credibile.

Advertisements

11 Responses to “Crocifissione mediatica”

  1. Uyulala said

    I have a dream:
    che le masse improvvisamente guardino le cose per come stanno e mandino aff… le istituzioni, soprattutto quelle religiose.

    (ehm… nota bene: non conosco l’inglese)

  2. darkzero said

    Sottoscrivo (Ale, ovviamente)

  3. 1ps said

    è evidente come in Italia si stia scadendo nel fanatismo a tal punto da liquidare con parole come “ingenuo” e “idiota” un qualsivoglia impegno sul tema della salute umana

  4. Thomas Bernhard said

    Va be’… ma quello inchiodato mica era anoressico. S’è fatto pure una bella magnata con gli amici prima di farsi appendere.

  5. 1ps said

    hahahahahahahahahahaha
    questa è da pantheon (cit.)

  6. Leilani said

    Sottoscrivo post e commenti… ma la signora, se ritiene che far vedere alle ragazze che a non mangiare ci si riduce a scheletrini con la psoriasi sia inutile, cosa suggerisce per arginare la psicosi da peso (dalla quale nemmeno io sono esente, tra l’altro)?

  7. Carmelo said

    Chi esalta la cultura del dolore, ricava da sofferenza virtù, giusto?
    Vogliono il monopolio della diffusione “mediatica” del dolore, ecco il motivo per cui si incacchiano se qualcun altro cerca di scavalcare lo steccato.

  8. Finazio said

    Infatti il tizio crocefisso non ha cambiato il loro modo di vedere le cose.

  9. LineadiSenso said

    mettere sullo stesso piano una bella fotografia di toscani con la genialità di un crocifisso con un morente appeso non mi sembra blasfemo, piuttosto denota una totale mancanza di cultura visiva-comunicazionale

    LdS

  10. Al said

    L’incapacità di cogliere gli echi metacritici dei tuoi post mi fa sentire un coglione.

    Non è possibile che il loro senso sia solo nelle cazzate che scrivi.

    Il cristianesimo non è una raccolta di figurine panini.

  11. Metilparaben said

    Saranno cazzate, Al… Sta di fatto che l’icona del cristianesimo è rappresentata da un uomo torturato a morte, grondante sangue e rantolante in cima a un monte: roba da sadici.
    Le figurine Panini, se permetti, sono assai meno truculente.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: