Disordine contraccettivo

July 9, 2007

La Dottoressa Patrizia Pelosi, Dirigente Fisico Medico dell’Unità Operativa di Radioterapia dell’Azienda ospedaliera G. Rummo di Benevento, dispensa su Zenit alcune pillole di saggezza sulla diffusione dell’AIDS nei paesi in via di sviluppo:

Inoltre in ampie regioni dell’Africa e dell’Asia la piaga della propagazione dell’AIDS ha reso quasi obbligatoria l’introduzione del condom, accusando tutti coloro che si oppongono a questa strategia di ledere la salute dell’intera società.

Che strano, eh? Solo perché il virus si trasmette attraverso i rapporti sessuali non protetti, si pretende di colpevolizzare chi si affanna per impedire che quella protezione venga adottata. Davvero inaudito.

Il fallimento di questa scelta è prevedibile. La mentalità contraccettiva porta in sé un disvalore che è contro la vita e non potrebbe essere risolutiva per una problematica così complessa.

Allora, Dottoressa, cerchi di seguirmi perché la cosa è complicatissima, e se non capisce mi fermi pure che ricomincio da capo: dunque, l’HIV si diffonde quando si tromba senza preservativo (ci siamo fin qua? Vuole che ripeta?); usandolo, l’HIV non si può diffondere. Eh, lo so, è una cosa estremamente complessa, ma Lei non demorda e studi, vedrà che prima o poi Le sarà tutto chiaro.

Anzi l’uso diffuso e consigliato di contraccettivi accentua un disordine sociale che ben si presta ad una maggiore diffusione dell’AIDS.

Si capisce, con tutte queste scatoline di condom che circolano in modo incontrollato si crea un disordine che non ti dico, e come niente qualcuno può approfittare di quel casino per avvicinarsi quatto quatto e zac!, attaccarti qualche bacillo mentre nessuno se ne accorge.

La scelta dell’ astinenza prematrimoniale e della fedeltà fanno da battistrada per restituire alla società una ricchezza di valori e riferimenti ormai smarriti nella ricerca della insaziabile soddisfazione sessuale personale.

Caspita, era dai tempi del liceo che non sentivo la parola “insaziabile”: dica la verità, Dottoressa, anche Lei ha una copia personale del mitico “Le voglie insaziabili dell’educanda”, eh?

Tutto questo avviene in una ridondate campagna pubblicitaria di prevenzione dalle malattie infettive e di promozione del ruolo femminile che arriva a risultati inconcludenti.

Infatti, ditemi voi a cosa possa servire fare una campagna di prevenzione delle malattie infettive o promuovere il ruolo della donna: questi sono selvaggi, non ci saremo mica messi in testa che possano davvero capire come stanno le cose, no?

È affidato alla donna il compito di interrompere questa schiavitù, è affidata a lei la difesa della propria dignità che richiede l’intaccabilità del mistero della maternità che mai può essere mercificato.

Ecco, anche ‘ste donne africane, suvvia: se sono schiave sarà ben colpa loro, no? Allora la interrompano, questa schiavitù, e si decidano a difendere la loro dignità; oppure lo ammettano, che in fondo essere schiave piace pure a loro, e la finiscano, una buona volta, di scassare la minchia.
Ma poi non si dica che noi, cristianamente, non ce l’abbiamo messa tutta.

13 Responses to “Disordine contraccettivo”

  1. ILLAICISTA said

    Con tutta la buona volontà capire la “logica” di queste argomentazioni è difficile.

    L’astinenza non previene alcunché.
    E’ del tutto assurdo consigliare di non lavorare prevenire le morti sul lavoro.
    Così come, per ridurre il rischio di morte per incidenti stradali è da sciocchi dire “non prendete l’auto”, semmai si tratterà di rispettare il codice della strada e di guidare con prudenza e buon senso.

    Altrimenti si potrebbe dire che è meglio non nascere, così si evita di morire sul lavoro o guidando un’auto.

    La prevenzione quella vera si occupa dei mezzi per ridurre i rischi legati ad una data attività o ad un dato comportamento, non prescrive di rinunciarvi del tutto, salvo eccezioni che ora non riesco ad immaginare..

    Mah..

  2. poldone said

    e comunque è così, a quelle là gli piace fare le schiave. è la base per un buon rapporto bdsm.

    anche io non sentivo la parola “insaziabile” da anni. se non ricordo male era riferita ad un’anaconda.

  3. Francesco said

    Di solito la considerazione “Vede, il problema è più complesso” (senza immediati approfondimenti) è l’ultima difesa del venditore che, messo di fronte alla superiorità della concorrenza, non ha veramente più argomenti validi.
    Ma ora però mi accorgo che il problema è più complesso.

  4. Anonymous said

    “Tutto questo avviene in una ridondate campagna pubblicitaria di prevenzione dalle malattie infettive e di promozione del ruolo femminile che arriva a risultati inconcludenti.”

    Affermazione di una gravità inaudita. Bisognerebbe chiedere a questa tizia su quali basi sta giudicando inconcludente l’operato di Yunus, che fa grande affidamento al ruolo femminile e ai contraccettivi.

  5. IL LIBERTARIO said

    A proposito di minchia,
    ma quella nella foto,
    senza minchia,
    mica sarà la nostra dottoressa ?!

  6. Ipazia said

    Bravo Alessandro, condivido sempre tutto quello che scrivi, gli argomenti e le tue ragioni! Continua così, ti leggo ogni giorno.

  7. Metilparaben said

    @illaicista-> davvero, mah…

    @poldone-> siamo là…

    @francesco-> …

    @anonimo-> hai detto bene, gravità inaudita.

    @il libertario-> 😀

    @ipazia-> grazie!

  8. supermacvale said

    Continuino pure a pensare che prima o poi la loro battaglia a favore dell’astinenza servirà a qualcosa… Per fortuna ci sono persone, tra cui anche religiosi, per cui “il problema è molto più complesso” e si rendono conto che quella dell’astineza è una boiata e che quindi diffondono la cultura del preservativo…
    Dottoressa, si ASTENGA dal parlare che le si secca la bocca..

  9. Luca said

    Ehm so che sono un po fuori tema, ma non è dimostrato che HIV provoca l’AIDS. Sorvolo su quanto detto dalla “Francis Griffin” al femminile.

  10. Leilani said

    Dire “complessa” o “delicata” sono già di per sé sintomi di paraculismo acuto, ma dare indirettamente delle zoccole che si distruggono la vita a chi il preservativo sceglie di usarlo aggiunge quel nonsochè…

  11. Metilparaben said

    @supermacvale-> 😉

    @luca-> devo approfondire la vicenda.

    @leilani-> quel tocco speciale, vero?

    @francesco-> amen.

  12. Ienapiangens said

    Dalla comparsa dell’AIDS sulla terra ho avuto qualche dubbio sulla non esistenza di dio:
    E chi se non dio poteva fare un regalo così bello ai preti bigotti, da permettergli di indicare come unicaq efficace forma di prevenzione l’astinenza?
    che sia efficace senz’altro, che sia praticabile… basta vedere il loro esempio!|

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: