Lo sputo di oggi nel piatto di domani

May 18, 2007

Marina Corradi su Avvenire:

«L’idea di alterare le cellule che originano un uomo non piace alla gente semplice. Che avverte istintivamente il sapore, in queste manipolazioni, di un limite trasgredito; del gioco pericoloso di una scienza che non riconosce legge, al di fuori di quella di ciò che chiama progresso».

Tra i tanti aspetti che mi lasciano in bocca un sapore amaro come il fiele, uno mi risulta particolarmente indigesto: allorché la ricerca scientifica, nonostante l’inerzia ottusa e bigotta da cui viene quotidianamente rallentata, metterà a punto terapie e cure per le malattie che affliggono milioni di persone in tutto il mondo, la Corradi e i suoi (molti) sodali non mancheranno, ove sia loro utile, di ricorrervi.
Sarebbe coerente, invece, che costoro dichiarassero pubblicamente, e subito, il loro impegno a non avvalersi mai di quei rimedi.
Neanche in un futuro tanto remoto da rendere sbiadito, e quindi incerto, il ricordo dell’impeto fondamentalista con cui sputarono nel piatto dove mangiano.

Advertisements

13 Responses to “Lo sputo di oggi nel piatto di domani”

  1. killo said

    Sono in parte d’accordo con te, bisogna pero’ stare attenti a credere che la scienza sia Dio e lasciarsi ammaliare dal suo potere che ci fa credere noi stessi degli dei..

  2. maxi said

    grande alessandro! è quello che dico anch’io. hai motivi per ritenere immorale quel tipo di ricerca scientifica? fai un documento scritto in cui dichiari di astenerti da tutte le cure (anche salvavita) che ne deriveranno. se la chiesa osteggia la ricerca, dicesse ai suoi fedeli di astenersi dai suoi ritrovati.
    vogliono far vivere chi vorrebbe lasciarsi andare perchè è senza speranza e vogliono negare la possibilità di cura a chi vorrebbe ancora lottare per salvarsi. che belle persone!

  3. Alessandro Capriccioli said

    @killo-> da qui a soffocarla, però…

    @maxi-> meravigliose.

  4. Petite Julie said

    In questo, ti do in parte ragione 😉

  5. bamby said

    sono daccordissimo con te ciao

  6. Appuntiperlamiapsicolga said

    Io mi “accontenterei” che quelli che non sono andati a votare per il referendum sulla legge 40 non ricoressero all’amniocentesi.

  7. Appuntiperlamiapsicolga said

    Ricorressero con due erre, la mia tastiera fa schifo.

  8. Alfredo said

    L’idea che uno Stato abbia il Diritto ed il Potere di legiferare in materia di scienza, francamente mi fa venire i brividi! La scienza in se non è nè buona nè cattiva, ma è il suo uso che la qualifica. Appellarsi alle leggi di uno Stato quindi mi sembra folle! La libertà di ricerca e di sperimentazione deve essere quindi garantita e normata dalla partecipazione cosciente e responsabile dei cittadini attraverso agenzie di controllo fuori dalla sfera di influenza di qualsiasi Stato, che come vediamo anche oggi può essere vittima di fondamentalismi ed oscurantismi religiosi. A costoro un bel giorno potrebbe venire anche in mente di modificare il DNA per rendere gli esseri umani docili alla fede ed alle superstizioni o meglio al principio di Autorità! O no ?
    Quindi alla larga dal battello…
    La nostra civiltà ci ha messo a disposizione questo strumento che in un prossimo futuro moltiplicherà la pratica delle consultazioni, per mettere in condizione tutti di esprimere la propria opinione in qualsiasi momento e su ogni aspetto della vita. Volontà coscienti ed informate decideranno finalmente del proprio destino… Imporre qualsiasi soluzione per legge, significherebbe ripercorrere la strada del male a fin di bene, dello Stato etico. E questo dobbiamo averlo ben chiaro e quindi non volerlo.

  9. Adriano said

    Si credono “pazzi” i testimoni di geova perchè non accettano la trasfusione di sangue neanche davanti alla loro morte e non questi che rifiutano la ricerca scientifica davanti alle morti degli altri…

  10. Andrea said

    Insomma, le solite str**zate trite e ritrite, tipiche di chi immagina lo scienziato medio come un folle asociale, perennemente rintanato nel suo laboratorio a progettare l’Armageddon 2.0… salvo poi approfittare tranquillamente (e magari incoscientemente) dei risultati della ricerca nel momento in cui questi escono dal laboratorio e cominciano a girare per le strade – come se non ci fossero anni di ricerca dietro il 90% degli aggeggi che usiamo ogni giorno.

    Per inciso, verrebbe anche da aggiungere che in un mondo come questo, essere “gente semplice” nel senso inteso dalla Corradi è più una colpa che un merito, ma a dirlo di solito ti danno dell’arrogante scientista…

    P.S. è un problema se ti metto fra i miei link?

  11. Alessandro Capriccioli said

    @petite julie-> e l’altra parte? 😉

    @bamby-> Ciao!

    @appuntiperlamiapsicologa-> sarebbe qualcosa, in effetti.

    @alfredo-> hai detto bene, stato etico…

    @andrea-> ci mancherebbe altro.

  12. niko said

    A chi ha una idea di chi sia Dio.

    Dio…Dio… e se Dio fosse stato creato dall’uomo (mi riferisco a quel dio che crediamo ci abbia creato da fango e acqua e poi ha alitato su di noi dandoci la vita)?Avete mai pensato che un Uomo è composto da tanti elementi ma ke allo stesso tempo se prendiamo quegli elementi e li mescoliamo tra loro non otterremo mai 1 Uomo? Avete pensato ke quello ke c manca è 1 progetto? Si 1 progetto come quello d una casa, di una macchina, anke l’uomo necessita di un processo. Sapete come si kiama? MAPPA GENETICA. Siamo arrivati ad ottenere il progetto di noi stessi, abbiamo il progetto dell’immortalità e facciamo di tutto per ignorarlo per paura di offendere questo dio (che crediamo ancora disteso su una nuvola e ke c quarda dall’alto lasciandoci nel libero arbitrio d distruggere o far sopravvivere questo pianeta).Paura di qualcuno ke nella bibbia dice “Andate e moltiplicatevi” ? E se quella frase sia 1 modo per invogliarci a conquistare la conoscenza e non ad essere timorati di un Essere ke ci Ama come non possiamo neanke immaginare?Se quel dio avesse voluto,non avrebbe potuto eliminare in un sol colpo tutti gli studi fatti in quel campo? E se quell’Essere fosse in tutte le cose ke facciamo con il cuore,per il nostro bene e d un’Umanità dedida all’evoluzione e non al involuzione? Lo so… non è il posto giusto per sfogarsi… meglio se ritorno sul mio blog.
    Credo sia arrivato il momento di mettere da parte politica, religioni e denaro e capire la natura della nostra esistenza.Il vero motivo non è vivere una vita nella paura di non vedere mai il Paradiso.Il vero motivo è riuscirsi a creare quell’Utopia (il Paradiso) su questo Pianeta e farsi impossessare dal piacere ke c viene privato da chi vuole governare la massa.Ovviamente non ho nulla contro le leggi o lo stato (a patto ke servano a garantire la libertà di vivere di ogni cittadino).Sono contro chi ci impedisce di vivere in un mondo Giusto.
    Avrei molto da dire in proposito… ma ho gia abusato troppo dello spazio ke m è stato offerto.Hasta lluego!

  13. Alessandro Capriccioli said

    C’è tutto lo spazio che vuoi. La pagina è lunga. 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: