Quarto tempo

May 16, 2007

Il Corriere di oggi ospita un istruttivo duetto tra due illustri esponenti della Margherita.
Inizia Enzo Carra, che riflette sul referendum per l’abogazione della Legge 40:

«Quella consultazione ha segnato uno spartiacque, e il Family Day non è stato che il secondo tempo dello stesso match».

Gli fa eco Luigi Bobba, che si occupa invece del disegno di legge sul testamento biologico:

«Mi auguro che si proceda con cautela e gradualità. Non vedo perché si dovrebbe correre… E vorrei si facesse un’attenta riflessione su quanto è accaduto a piazza San Giovanni, se non si vuole lasciare quella piazza alla destra».

La sequenza, mi pare, è tanto evidente quanto impressionante:

  • nel primo tempo ha avuto luogo la mortificazione della salute riproduttiva e l’affossamento della ricerca scientifica;

  • nel secondo tempo è andata in scena la discriminazione di migliaia di persone sulla base delle loro preferenze sessuali;

  • il terzo tempo, che a quanto pare è appena iniziato, prevede un imponente contrattacco sul fronte delle scelte di fine vita.

E’ impossibile non domandarsi quanto sia destinato a durare, questo film, e cosa ci si aspetta che accada nei tempi successivi: io sono disposto a scommettere che il quarto avrà come argomento l’abrogazione della legge sull’aborto.

Che dite, ne vogliamo parlare un attimo, prima che ci proibiscano di fare anche quello?

Advertisements

8 Responses to “Quarto tempo”

  1. bleek said

    Uff sadico…
    ora mi costringi a ravanare nella lettiera del gatto sperando di trovare la pagina in questione ancora leggibile..
    Oppure chiedo al gatto, anche lui ha l’abitudine di leggere al cesso.

  2. Finazio said

    Il piano della Margherita è chiaro: per non lasciare le idee fasciste alla destra se le prendono loro. Ottimo.

  3. Alessandro Capriccioli said

    @bleek-> sei un genio.

    @finazio-> ineccepibile, eh?

  4. Anonymous said

    Sì, anch’io penso probabili il terzo e il quarto tempo. Forse veri obiettivi.
    Stasera ho visto il documento della BBC sui preti pedofili e sulla copertura vaticana, nonostante fossi ben informata sull’argomento ora mi sento svuotata, scorata. Veramente la RAI non trasmetterà mai questo video? E in quel milione di persone al Family Day, nessuno l’aveva visto?
    Al solito: se tutto quello che è umano mi appartiene, stanotte ho molto da fare.
    ciao v.

  5. Alfredo said

    I media italiani :
    sono tutti liberi di non pubblicare quello che impone Razzy !

    Un tempo i terroristi dicevano : se vedi un giornalista picchialo, tu non sai il perchè, ma lui sì!

    Non è proprio pedagogicamente corretto e condivisibile, ma è pur sempre sintomatico.

  6. Alessandro Capriccioli said

    @v.-> l’avranno visto. dimenticandolo subito dopo.

    @alfredo-> non è, credo, solo un problema di informazione…

  7. Alfredo said

    Chiedo scusa se insisto, ma in questa società mediatica è fin troppo chiaro che un fatto non esiste se non è conosciuto!

    Pannella allora, cosa si incazza a fare per un evidente debito di visibilità dei media nei nostri confronti?

  8. Alessandro Capriccioli said

    Fa bene a incazzaersi, mi pare.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: