La pizzica, la taranta, la Roccella, i Clash

March 30, 2007

Eugenia Roccella sul Secolo d’Italia:

«I Dico, così come la biotecnologia, introducono una “rottura” tra noi e noi, tra l’uomo e le sue radici».

Argomentazione apparentemente logora, quella delle radici, eppure ancora di gran moda.
E’ in base ad essa che sempre più spesso, nelle serate estive, qualcuno propone di andare tutti insieme a ballare la pizzica e la taranta, per riscoprire le comuni radici culturali e provare tutti insieme sensazioni di sconosciuto appagamento.

Sarà che ognuno ha le radici che ha, oppure, più probabilmente, quelle che si merita.

Io, da parte mia, continuo a guardare alle biotecnologie con interesse, a sostenere che le coppie di fatto dovrebbero avere gli stessi diritti delle altre, a declinare gli inviti estivi per la pizzica e per la taranta.

Ci vada la Roccella, a ballare scalza.

Io me ne sto a casa a sentire i Clash.

5 Responses to “La pizzica, la taranta, la Roccella, i Clash”

  1. Aioros said

    Da salentino, mi accodo al fastidio per la recente moda della pizzica (e a proposito, dopo Epitaph e Moonchild io propongo anche 21st Century Schizoid Man).

  2. Alessandro Capriccioli said

    Perché no? Proposta accolta.

  3. Aioros said

    Benefattore :))

  4. Alessandro Capriccioli said

    Troppo buono.

  5. giulia said

    Posso dissentire? Da neofita della pizzica e taranta (non sono una pulzella ma ai tempi miei non si usavano), solo molto tardivamente ho ritrovato delle “radici” forse a lungo rinnegate, e in cui non ho trovato appagamento ma “passione”. Non sono fanatica di alcunché per cultura, mentalità, DNA forse e so che intorno al ritrovamento di certe “tradizioni” si fa un gran commercio, non sono un’ingenua! Ma una pizzica a piedi scalzi me la farei. Sulle coppie di fatto però la penso esattamente come te, nonostante la pizzica. Vi consiglierei di leggere il breve romanzo di Angelo Morino (un torinese! al di sopra di ogni sospetto) “Rosso Taranta”, dove con grande sagacia si trovano accostamenti, consonanze e vicinanze non improbabili tra le “tarantate” e gli omosessuali. Mi fermo qui però e vi saluto perché non é il luogo e il momento giusto per approfondire. Ciao a tutti da Giulia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: