Barche e galere

March 27, 2007

Sarà che ognuno ha le proprie idee.

Fatto sta che se un politico decide di passare un fine settimana in barca tra coca e trans, per me restano affari suoi; mentre se uno che non è ancora stato condannato si taglia i polsi in carcere, allora sì, mi intristisco di brutto.

Chiunque sia il politico, chiunque sia il carcerato.

2 Responses to “Barche e galere”

  1. Mistergu said

    Io invece ritengo che se un politico, magari pure di quelli bacchettoni e proibizionisti, contribuisce al finanziamento della camorra consumando cocaina, sarebbe opportuno venisse identificato dai cittadini in modo da potersi regolare alle elezioni successive.

  2. Eugenia said

    Beh, per il politico è triste vero, ma la sua vita privata e quello che “piace” sono fatti suoi, per l’altro…Non ha tentato il suicidio, è stato solo un gesto di autolesionismo, che ti posso assicurare capita quasi a tutti i detenuti/e, perchè se realmente hanno voglia di morire, si tagliano le vene e non il braccio(tipico dei detenuti/e che tentano questa “forma” di suicidio), lo so perchè lavoro nell’ambiente(eh), ed è capitato tantissime volte. Ciao!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: