Sugar free

January 17, 2007

Zucchero Fornaciari intervistato sulla Stampa: «Se mi avessero dato il Colosseo sarei passato anche di lì (da Roma, ndr) ma non l’hanno fatto e nella Capitale non ci metto piede. Sono contento di aver realizzato un disco come Fly costatomi, sottolineo, 850mila euro. Ormai tutti si affidano ai computer, ne mettono uno in casa bello potente e con quattro palanche fanno un disco. C’è poi la moda dei cofanetti, brutti e con copertine a dir poco schifose. Ma vi rendete conto? Non c’è più rispetto per l’arte musica, per la confezione, per il pubblico che merita una bella foto, pensata».
Domanda: non è che costui si è messo in testa di essere davvero un artista?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: